ComeQuando_appunti di psicoanalisi è un progetto editoriale nato dall’incontro di tre colleghe psicologhe psicoterapeute con la voglia di fare ricerca sulla professione e un comune desiderio, scrivere di psicologia e contrastare l’invadente banalizzazione dei fenomeni sociali ed emozionali nel web. 

Il nostro tentativo è di prendere parola nel contesto sociale in cui ci troviamo oggi per leggerne le dinamiche attraverso categorie psicoanalitiche che ci permettano di riconoscere problemi, individuare risorse e imparare a rendere più comprensibili le emozioni che sperimentiamo nella convivenza e nell’appartenenza sociale.

I nostri ultimi articoli

Bambini ed Educazione di genere: che confusione il mondo degli stereotipi

Con educazione di genere si intende quel complesso processo di pratiche orientate a promuovere consapevolezza di genere e cultura della differenza, sia nei contesti formali (scuola, università), non formali (associazioni, famiglie, volontariato) e informali (mass media e social media). L’obiettivo è quello di mettere in discussione gli stereotipi di genere, i miti inerenti i ruoli sociali associati al genere, le rappresentazioni ed il valore affettivo delle differenze.

Continua a leggere

Quale genere di psicoanalisi

Sotto il grande cappello dei femminismi, si organizzano forme di attivismo culturale nell’ambito dei quali, sembrerebbe, venga rieditata ed aggiornata sia la funzione che il ruolo dell’intellettuale contemporaneo.

Continua a leggere

Sessualità, via regia

Ho appreso con un certo sconcerto la storia di diversi percorsi analitici di colleghi e amici, magari anche lunghi nel tempo, dove non è stata fatta menzione della sessualità. Contro ogni stereotipo sulla psicoanalisi che la vuole erroneamente pansessualista, questi racconti parlano di un’esperienza di rimozione importante di questo aspetto della vita dalla relazione terapeutica. Condivido l’ipotesi e la metodologia secondo la quale si lavora sempre su ciò che porta in colloquio chi decide di lavorare con me e non su ciò che qualche teoria reputa importante esplorare a prescindere dalla relazione che si va organizzando. Fin dai primi colloqui vale la pena ascoltare e farsi orientare dall’altro, lontano da qualunque logica anamnestica, nell’ipotesi che lui/lei sappia più di chiunque altro perché è lì davanti a te.

Continua a leggere

Se vuoi essere aggiornato sulle ultime pubblicazioni iscriviti alla nostra newsletter

Ottieni i nuovi contenuti, spediti direttamente nella tua casella di posta.